REALTA’ CONCENTRAZIONARIA…


“Il fascismo non era soltanto un malgoverno buffonesco ed improvvido, ma il negatore della giustizia; non aveva soltanto trascinato l’Italia in una guerra ingiusta ed infausta, ma era sorto e si era consolidato come custode di una legalità e di un ordine detestabili, fondati sulla costrizione di chi lavora, sul profitto incontrollato di chi sfrutta il lavoro altrui, sul silenzio imposto a chi pensa e non vuole essere servo, sulla menzogna sistematica e calcolata.[…] : ci proclamavamo nemici del fascismo, ma in effetti il fascismo aveva operato su di noi, come su quasi tutti gli italiani, estraniandoci e facendoci diventare superficiali, passivi e cinici.”

[P.Levi – Il SISTEMA PERIODICO]

Verrà un giorno nel quale le cose torneremo a chiamarle col loro nome. Allora i campi di concentramento nei quali vengono reclusi degli esseri umani, colpevoli solo di aver scelto di vivere anziché morire, dove quotidianamente subiscono violenze, minacce, prevaricazioni dagli sgherri di questo regime corrotto e capeggiato da delinquenti internazionali, dai loro lacchè e dai loro avvocati, quei campi dicevo, verranno smantellati. Ma sarà troppo tardi per la vergogna dei molti che sapendo hanno fatto finta di non sapere. Già pare di sentirle le giustificazioni, che loro non potevano sapere, che credevano si trattasse di opere umanitarie, che la televisione diceva cose diverse. E i filmati, quando necessari, si ripetono con monotona attitudine lobotomica, facendo vedere crocerossine e poliziotti cordiali che aiutano e si prodigano. Ma anche questo lo avevamo già visto un tempo, quando i nazisti aprirono un finto campo di concentramento alla Croce Rossa: (autentica istituzione fiancheggiatrice delle nefandezze più efferate di questo mondo), esibendo disegni e concerti tenuti da giovani bambini ebrei e dicendo al mondo: “Vedete non li trattiamo poi così male visto che permettiamo loro lo svago e la cultura !!” – E il mondo fece finta di credere a queste cose, perché era più comodo e poteva continuare ad impigrirsi sulle sue sicurezze. Così noi oggi. Sono migliaia le persone che vengono quotidianamente stipate in questi Campi di Concentramento, colpevoli solo di non avere un permesso di soggiorno, come se i paesi, i governi dai quali stanno fuggendo, concedessero loro spazi civili. Quella gente fugge da quei governi che li affamano, perché altrimenti sarebbero uccisi, incarcerati, stuprati !! Quella gente fugge dalla guerra, dalla fame, dalla sopraffazione dei più forti paludati dall’ Ufficialità del Potere. Pensate che possano davvero recarsi presso gli sportelli di un qualunque ufficio rappresentante di quei medesimi governi e chiedere qualcosa ? Un permesso per andarsene dai loro aguzzini ?

E’ ipocrisia crudele il costrutto su cui si basa la persecuzione di chi non possiede il permesso di soggiorno. Quei Campi di concentramento, rinchiudono migliaia di persone, malnutrite, vessate, violentate ancora una volta. Non si può far finta di non vedere ! Verrà un giorno in cui, ma ancora una volta solo per finta, parleremo di tutto questo con livoroso sdegno e celebrata retorica, diremo ancora una volta “Mai più !” – istituiremo la giornata del Migrante con la benedizione della Chiesa e delle Istituzioni e i discorsi del Sindaco e delle Autorità… alla fine batteremo le mani.

Nel frattempo la gente continua a morire, a subire la violenza fascista degli sgherri… e noi restiamo ad ascoltare le menzogne criminali di una banda di psicopatici.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a REALTA’ CONCENTRAZIONARIA…

  1. pedrop61 ha detto:

    …detto tra noi, il tuo intervento, a scuola, se mai hai avuto la ventura di frequentarne una, ti avrebbe valso un bel fuori-tema. quanto a berlusconi, non vedo cosa c’entri in quello di cui stavo parlando. sinceramente a me del tuo padre-padrone non mi interessa un fcio secco. se non sei d’accordo con me cerca di usare argomenti più sensati, urbani che vogliano significare qualcosa. Io non credo di essermela presa con qualcuno in particolare, se mai cercavo di dare una spiegazione politica. Ho espresso un parere, se non ti piace puoi ribattere, ma cerca almeno di rimanere nell’argomento. se invece vuoi solo provocare, bè sappi che non mi interessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...